top of page
  • mfavalli

CITTA’ CIRCOLARI: PUMS - IL PIANO REGOLATORE CHE DEFINISCE IL CAMBIAMENTO


PUMS- citta circolari in Italia

Una Circular City o Città Circolare contiene in sé tutti i principi dell’Economia Circolare. In tutte le sue funzioni. Una città circolare istituisce un sistema urbano rigenerativo, accessibile by design. Questa tipologia di città – che sono destinate ad esser sempre più presenti – mira ad eliminare il concetto di scarto, rifiuto e di spreco, a mantenere i beni al valore più alto in ogni momento grazie al supporto della tecnologia e del digitale.


Una Città Circolare cerca di generare prosperità, aumentare la vivibilità e migliorare la resilienza per la città stessa e per i propri cittadini, mentre dissociare la creazione di valore dal consumo di risorse finite.

In questa direzione si inseriscono i Piani Urbani per la Mobilità Sostenibile (PUMS), documenti strategici finalizzati a migliorare gli spostamenti di persone e di merci.


“Si tratta di un piano di grande importanza – racconta Matteo Colleoni, professore ordinario all’università di Milano-Bicocca – che fa dialogare le esigenze di mobilità con la pianificazione degli insediamenti umani. Il suo tratto distintivo consiste, appunto, nell’integrare il coordinamento delle attività edilizie con gli interventi infrastrutturali e gli esercizi di trasporto pubblico e privato, evitando di ripetere gli errori del passato, quando chi pianificava a livello urbano non predisponeva parallelamente un servizio di trasporti adeguato”.

Il PUMS si pone come obiettivi quelli di:

  1. migliorare l’accessibilità per tutti i cittadini e visitatori presenti sul territorio, senza distinzioni;

  2. migliorare la qualità della vita e aumentare l’attrattività del territorio verso l’esterno;

  3. ridurre l’impatto ambientale, le emissioni di CO2 in atmosfera e i consumi di energia migliorando allo stesso tempo la qualità dell’aria;

  4. incrementare i livelli di sicurezza stradale e salute pubblica;

  5. rispondere a principi di reddittività economica, equità sociale e qualità ambientale.


Il PUMS porta diversi benefici alle comunità e ai territori di riferimento. Vantaggi che riguardano le sfere: economica, sociale e ambientale.

Un adeguato Piano della Mobilità Sostenibile ha come vantaggi immediati il miglioramento delle condizioni ambientali e della qualità dell’aria e una riduzione dell’inquinamento acustico. Di conseguenza, ha un impatto sulla salute dei cittadini e sul miglioramento della qualità della vita. Stiamo parlando di un piano che contribuisce in modo significativo alla costruzione di una città sostenibile. Non dimentichiamoci che nei principali esempi internazionali di Green City, la mobilità urbana gioca infatti un ruolo cruciale. Inoltre, sostenibilità unita a efficienza porta a una maggiore attrattività del territorio, a un maggiore livello di soddisfazione e di partecipazione dei cittadini e a una sicurezza stradale diffusa.


I vantaggi possono essere naturalmente anche di natura economica. La mobilità può favorire l’economia locale e attrarre nuove imprese e investitori grazie a un ambiente più sano, meno inquinato e a una promessa di vivibilità migliore.


Secondo uno studio del CESISP - Centro Studi in Economia e Regolazione dei Servizi, dell’Industria e del Settore Pubblico - che ha misurato la circolarità dei centri urbani secondo diversi fattori come: input sostenibili, condivisione sociale, uso di beni come servizi, end of life, estensione della vita dei prodotti. Tra le 20 città esaminate è risultato che Milano è la migliore, seguita da Trento e Bologna e che si uniscono a Parigi, Amsterdam, Londra e la capitale danese, Copenhagen.


I principi di una città circolare sono da inserirsi nello sforzo degli stati di aderire alla rivoluzione sostenibile, di cui anche SiWeGO - come start up innovativa per il trasporto di merci - si fa partecipe e attivo partecipante.


Scopri i nostri servizi e unisciti alla rivoluzione.


1 vue0 commentaire

Comments


bottom of page